News

Screening Neonatale Allargato. Verso un modello comune europeo. L’esempio virtuoso del sistema italiano

Screening Neonatale Allargato. Verso un modello comune europeo. L’esempio virtuoso del sistema italiano

L’appuntamento è per il 30 gennaio a Bruxelles, presso il Parlamento europeo

L’Italia porta in Europa il lavoro fatto dal Movimento 5 Stelle sullo screening neonatale. Se ne parlerà il 30 gennaio, a Bruxelles, durante il convegno “Screening Neonatale Allargato. Verso un modello comune europeo. L’esempio virtuoso del sistema italiano”, organizzato dal Vicepresidente del Parlamento europeo, Fabio Massimo Castaldo, e dalla Vicepresidente del Senato, Paola Taverna, del Movimento 5 Stelle. 

La mattinata di lavori prenderà il via alle 9.30, nella sala A1E2 dell’Edificio Altiero Spinelli, presso la sede del Parlamento europeo. Si partirà da una panoramica sulla situazione in Europa per arrivare ad analizzare quanto fatto in Italia: dal ddl sullo screening neonatale approvato nella scorsa Legislatura grazie al lavoro portato avanti da Paola Taverna a quanto previsto dall’ultima manovra economica che ha ampliato le patologie d’esame. A moderare la mattinata sarà Ilaria Ciancaleoni Bartoli, direttore di Osservatorio Malattie Rare e Osservatorio Screening Neonatale.

Tra i relatori: Giancarlo la Marca (responsabile della U.O. Screening Neonatale, Biochimica Clinica e Farmacologia dell’’Azienda Ospedaliero Universitario Meyer, Presidente della Siemmesn e membro del Centro nazionale di coordinamento sugli screening neonatali) e Simone Boselli (Eurordis, Public Affairs Director European and International Advocacy Eurordis).

Seguiranno, introdotti dalla senatrice Paola Taverna e dalla deputata del Movimento 5 Stelle Leda Volpi, interventi illustrativi del modello italiano: Domenica Taruscio (Direttore del Centro Nazionale Malattie Rare, Membro del Centro di Coordinamento sugli screening neonatali presso l’Istituto Superiore di Sanità), Manuela Vaccarotto (Vice Presidente AISMME) e Carlo Dionisi Vici (Responsabile Patologia U.O.C. di Patologia Metabolica, Dipartimento di Medicina Pediatrica, IRCCS Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma, Advisory Board Osservatorio screening neonatale).

A concludere la mattina una tavola rotonda politica con gli europarlamentari Piernicola Pedicini (M5S – Gruppo EFDD), Peter Liese (Gruppo EPP) e Michele Rivasi (Gruppo dei Verdi – Alleanza liberale europea) a cui seguirà una sessione tecnica con Alberto Burlina (Direttore del Centro di riferimento per lo screening neonatale esteso dell’Università di Padova e membro del Centro di Coordinamento screening Iss), Stephan Schreck (capo dell’unità Salute e malattie croniche della Commissione Europea) e Jim Bonham (vicepresidente dell’International Society for Neonatal Screening).

A questo link è disponibile il programma dettagliato dell’evento.

Prossimo articolo Adrenoleucodistrofia legata all'X, lo screening neonatale è economicamente sostenibile
Articolo precedente Malattie lisosomiali, lo screening neonatale è una possibilità preziosa

Articoli correlati