Lazio: nasce il sistema informativo unico screening neonatali

Lazio: nasce il sistema informativo unico screening neonatali

Il Lazio è tra le prime regioni italiane a dotarsi del nuovo sistema informativo unico regionale degli Screening Neonatali audiologico, metabolico esteso e oftalmologico per rilevare, acquisire e gestire i dati acquisiti.

Il decreto del Commissario ad acta è dello scorso 17 maggio e darà il via all’utilizzo di una nuova piattaforma che adotterà un applicativo web-based al fine di raccogliere tutti i dati a livello regionale del percorso sullo screening neonatale. Sono in corso le attività formative per il personale, propedeutiche all’utilizzo della piattaforma.

“Si tratta di un passo in avanti molto importante. – ha commentato Alessio D’Amato, assessore alla sanità e all’integrazione sociosanitaria – Le nuove tecnologie ci permettono di raccogliere e utilizzare i dati con maggiore velocità e precisione e questo migliora la qualità ed il livello di assistenza offerto ai cittadini e di prevenzione delle malattie. Nel 2018 – ha aggiunto – nel Lazio sono nati circa 45 mila bambini e avere a disposizione un sistema informatizzato unico ci permetterà di seguire al meglio i bambini a rischio di patologia, mettendo in collegamento tutte le strutture che lavorano nella rete degli screening neonatali”.

Prossimo articolo La storia di Ciaran, salvato dalla diagnosi del fratello
Articolo precedente Omocistinurie, i consigli degli esperti per migliorare lo screening neonatale

Articoli correlati